News

08/11/2022

Manifesto per l’Olio di Palma Sostenibile

 

L’Unione Italiana per l’Olio di Palma Sostenibile ha aderito al Manifesto per l’Olio di Palma Sostenibile, promosso da RSPO, EPOA e IDH in occasione 4° Sustainable Palm Oil Dialogue Europe (SPOD 2022), tenutosi lo scorso 20 ottobre ad Hoofddorp, Paesi Bassi, che ha visto riuniti oltre 300 decisori, accademici e ONG insieme a più di 20 relatori per scambiarsi idee su come guidare l’impatto positivo dell’olio di palma sostenibile in Europa attraverso la comunicazione, l’innovazione e la regolamentazione.

Le aziende europee si sono già ampiamente mosse verso l’utilizzo di olio di palma sostenibile (oltre il 93% dell’olio di palma importato in Europa è già certificato RSPO) ma purtroppo i consumatori hanno ancora una scarsa consapevolezza dei vantaggi  – sociali, economici, ambientali – legati allo sviluppo dell’olio di palma sostenibile.

Per far crescere questa filiera serve la collaborazione tra tutte le parti interessate, compresi i governi, il settore privato e le ONG, a livello nazionale, regionale e internazionale.

Il Manifesto, al quale hanno già aderito 13 aziende e organizzazioni non governative , tra cui il  WWF, vuole essere una call to action per promuovere la produzione e il consumo responsabile di olio di palma e invita produttori di beni di consumo, grossisti e rivenditori a intraprendere o rafforzare le seguenti azioni:

  1. utilizzare olio di palma sostenibile certificato per tutti gli alimenti, mangimi e oleo chimici contenenti olio di palma o ingredienti derivati. Passare da una catena di approvvigionamento virtuale (es crediti RSPO) all’approvvigionamento fisico di olio di palma certificato sostenibile
  2. aumentare l’impegno in iniziative con approccio giurisdizionale e integrato al  paesaggio per amplificare l’impatto positivo delle iniziative locali
  3. includere la produzione sostenibile degli smallholder in ogni fase della catena di fornitura dell’olio di palma
  4. incrementare la comunicazione per aumentare e rafforzare l’awareness dei consumatori per far si che siano anche loro, attraverso le loro scelte di acquisto, motore attivo a sostegno dell’olio di palma sostenibile certificato.

 

“L’ulteriore crescita della filiera dell’olio di palma sostenibile necessita di uno sforzo collettivo che parte dal sostegno dei produttori locali e arriva fino alla comunicazione al consumatore finale – commenta Mauro Fontana, Presidente UIOPS – Crediamo fortemente nell’alleanza tra aziende, ong e organizzazioni per il raggiungimento dei nostri obiettivi. L’Unione Italiana per l’Olio di Palma Sostenibile è stata fondata per promuovere l’approvvigionamento sostenibile per tutti i produttori di alimenti, mangimi e prodotti oleochimici contenenti olio di palma o ingredienti derivati dall’olio di palma e aumentare la consapevolezza delle parti interessate in Italia. Riteniamo che sia giunto il momento di far sentire insieme la nostra voce e comunicare chiaramente le peculiarità dell’olio di palma sostenibile certificato, che è la migliore alternativa all’olio di palma.”